Alle ore 14:05 al via la conferenza stampa di mister Sarri alla vigilia di Lazio Atalanta di sabato 11 febbraio 2023.

Sarri: “Sarà una partita tosta, la squadra mi ha sempre soddisfatto sotto l’aspetto dell’applicazione, purtroppo siamo finora mancati nel momento dell’ultimo salto di qualità”;

“Basic ha giocato molto, Marcos Antonio deve esse supportato fisicamente, è un grande palleggiatore, anche gli altri sono in evoluzione e vedremo quando saranno pronti per partite di altissimo livello”;

“Se prendiamo in considerazione la partita dell’andata siamo fuori strada perché l’Atalanta aveva fatto una prestazione normale, probabilmente domani la troveremo in versione super”;

“Gli obiettivi devono essere credibili, i sogni possono essere attuabili, la squadra ha voglia e fame e crede di poter far bene, i ragazzi sono molto applicati”;

“Vedremo dopo l’allenamento di oggi se Cataldi sarà disponibile”

“Lo scorso anno gli orobici fecero un’ottima partita di puro contenimento, domani non sarà così. Andiamo alla conclusione solo quando possiamo essere pericolosi: il numero basso di tiri dipende da quello”

“In questa stagione non abbiamo mai potuto contare sul miglior Immobile, gli serve continuità e con lui al 100% segneremo molto di più” :

“Con il Verona era una partita sporca, Lazzari non ha quelle caratteristiche. Lui ha giocato nella stragrande maggioranza della stagione, non si tratta di una scelta definitiva, ora Marusic e Hysaj stanno bene a livello fisico e mentale”;

“Milinkovic a Verona ha collezionato più verticalizzazioni che palle perse, preferisco questa versione, ha un bell’atteggiamento”;

“Lo scontro diretto deve dare grandi motivazioni, non rappresenta nulla di definitivo in questo momento della stagione”;

Anderson è entrato bene a Verona, era frizzante, aveva solo bisogno di giocare una mezz’oretta anziché altri 90 minuti”;

“Possiamo fare di più sulle palle ferme, abbiamo centimetri e fisicità è uno degli aspetti da migliorare”.

Il vademecum di Lazio-Atalanta. Statistiche, TV & streaming, designazione arbitrale